Monopoli - Città Turistica
Cerca      English (United States) Italiano (Italia)
Città e monumenti
Chiesa San Domenico

 

facciata chiesa s.domenico

logo bandiera italiano   Il Complesso conventuale di S. Domenico rappresenta uno dei nodi più significativi della cultura monopolitana. La Chiesa riveste un notevole interesse non solo dal punto di vista artistico, ma anche storico; essa è infatti un monumento di gran pregio architettonico ed un ricchissimo contenitore di beni culturali, ciascuno dei quali testimonia un momento della storia monopolitana in un ambito cronologico che va dalla fine del sec. XV al sec. XVIII. Dall’indagine condotta sul complesso conventuale è scaturito un interessante bilancio culturale che illumina il rapporto Monopoli- Puglia e pone la chiesa di S. Domenico come specchio efficace della situazione monopolitana, come esemplificazione delle 3 varie tendenze culturali che interessano la città nei secoli suddetti.

Nell’Aprile del 1528, mentre la peste vi faceva vittime, 400 soldati veneti prendevano possesso di Monopoli che, pacificamente e perché stremata dall’ epidemia, aveva loro aperte le porte preferendo così i colori di S. Marco a quelli spagnoli. Il comandante della guarnigione, Andrea Gritti, fece abbattere gli edifici che si trovavano fuori dalle mura, ma vicine ad esse, per non consentire l’eventuale utilizzazione agli spagnoli che, al comando del marchese del Vasto, ben presto si sarebbero presentati per tentare la conquista della città. Così, fra quei fabbricati, furono demoliti anche il convento e la chiesa di Santa Maria della Nova con i tesori d’ arte che certamente contenevano. I frati, però, già il 20 Agosto 1530, << dalla felice memoria di Clemente VII >> ricevettero il permesso di edificare un nuovo convento.

I padri predicatori avrebbero fondato la loro chiesa, fuori le mura, nell’ area delle fontanelle , e questa si sarebbe chiamata S. Maria Nova, come la chiesa domenicana di Firenze, cara a Dante. Qui fra Reginaldo aprì il suo studio di priore e di artista della miniatura, che tanta fama doveva dargli. Qui, probabilmente, nell’antica chiesa, prima che fosse distrutta, durante l’assedio spagnolo, “approdò” la preziosa tavola del Giambellino, ora nella Pinacoteca provinciale di Bari. Per i domenicani di Santa Maria Nova lavorò infine Stefano da Putignano. Quando poi convento e chiesa furono riedificati entro le mura, sul finire del sec. XVI e nei primi anni del Seicento, i domenicani confermarono nei due secoli successivi il livello intellettuale dell’Ordine e il gusto dell’ arte.

Sorge la chiesa a tre navate, s’ innalza con la cupola, termina con una abside goticheggiante. Il lavoro della pietra, il ricamo dell’ornato, dalle cornici delle porte all’arco trionfale del presbiterio, dai capitelli agli altari barocchi, i sottili congegni strutturali come le strette navatelle e il rincorrersi superiore delle agili volte, sono la sua ricchezza. Si rincorrono anche gli stili: la nostalgia del gotico appare a ridosso della cupola rinascimentale; alle sofisticate, manierate cornici delle porte ai lati dell’ abside, rispondono le tarantole mistiche degli altari salentini. Il primo a destra, nella cappella del Rosario, sembra del Manieri che tra il 1741 e il 1742 lavorò a Monopoli per il S. Leonardo della Benedettine.

Gli altri due sono a sinistra, il primo con i domenicani in gloria, e il terzo con S. Domenico. Il Santo spagnolo è anche nel soffitto con la Madonna e S. Caterina da Siena, opera di Gerolamo Cenatiempo(1703); è ancora nel dipinto di Palma il Giovane, sulla parete sinistra del transetto, visitato da tre Sante, nel miracolo di Soriano. Usciti dalla chiesa si ammira la facciata, nota per il rosone e il suo prezioso ricamo. Ma anche per gli inserti stefaneschi sull’asse centrale o linea alba della centralità: “Cristo coronato di spine”, “S. Domenico”, “e la Madonna in trono col Bambino” nella cuspide: una verticale figurata come nelle migliori raffigurazioni classiche.Sin dal Cinquecento S. Domenico fu ,con i suoi artisti e letterati, uno splendore di “cherubica luce”, come dice Dante luce di cultura e di civiltà artistica.

Il convento,oggi caserma dei carabinieri,conserva la nobiltà antica: il chiostro luminoso,la classica cornice d'ingresso, le logge rinascimentali sulla piazza XX settembre.

 

logo bandiera uk  The monastery of St. Domenico is one of the most significant cultural symbol in the town of Monopoli. The church, important for its artistic and historical value, belongs to the rich cultural heritage of the town and testifies the history of Monopoli from the end of XVth century until the XVIIIth century. The church of S. Domenico reflects the different main three cultural trends during these centuries. In April 1528, while the plague spread out the town, 400 Venetian soldiers conquered Monopoli that “exhausted” because of the epidemic, opened its doors to Venetian soldiers instead of Spanish Army. The commanding officer, Andrea Gritti, pulled down the buildings that were outside the walls to not allow any use to the Spanish Army with the commanding officer Marchese del Vasto. Among these buildings, the monastery and the church of S. Maria la Nova were involved too. The friars, however, on the 20th of August 20, 1530, according to Clemente VII, took the permission to build the new monastery. The previous church of S. Maria La Nova , built outside the walls of the town, took its name by the church of S. Maria la Nova in Firenze. The monk Reginaldo hosted the work of art made by the miniatures artist Giambellino, that is now preserved in the picture Gallery in Bari.
The current church has three naves with the rise of the dome that ends with a gothic apse. Its artistic richness consists of decorative details carved in the stone; from the door frames to the triumphal arch of the presbytery, for the capitals, the Baroque altars, the narrow aisles and the vaults. There are different styles: a Gothic and Renaissance echoes from its dome. Whereas, on the right side we can see barocco leccese. The first chapel, it is believed to be made by the artist Manieri from Lecce, who worked in Monopoli between the 1741 and 1742 for the building of the church and monastery of S. Leonardo too. In the two left side- altars there are: in the first one the Dominicans, and the third one with S. Domenico. The Spanish saint is also above the ceiling with Madonna and S. Catherine from Siena, made by Gerolamo Cenatiempo (1703), represented in the painting by Palma il Giovane, on the left wall of the transept, visited by three Saints, in the miracle of Soriano. On the outside, on the facade, we can see the rose window with its outstanding and precious stone- carving. On the façade there are also the statues of Stefano from Putignano, such as: Christ crowned with thorns, S. Domenico , Madonna enthroned with Her Child . The monastery, close to the church where nowadays is a police station, has on the inside the bright cloister, the classical frame around the main door and the balconies from Renaissance period that look out onto the square XX Settembre. All of these details testify its outstanding and aristocratic artistic richness.

Fonte: Comune di Monopoli- Assessorato alla cultura, Monopoli nel suo passato, Dicembre 1985.
            Michele Pirrelli, Tra Conventi e Monasteri, Gelsorosso.

 

Progetto Bibliopolis 2011 Servizio Civile

 

San Domenico - Il rosone

 
San Domenico - L'interno

 

 


Recapiti
Via S. Domenico, 52
70043 Monopoli (BA)
Tel. 080 747953

La Chiesa è sede della Confraternita "S. Cataldo"

Chiese in città
     Accedi